• incrementa grandezza carattere
  • Default font size
  • Riduci grandezza carattere
Banner
Banner

Lunedì 03 Giugno 2013 08:34

Centrale del Latte, e che il sogno abbia veramente inizio. È finale playoff !!!

Scritto da  Alberto Banzola

Potrei parlarti di 1000 cose Piz.
Delle nostre rondinelle, del loro mercato (magari lo facciamo più avanti) di quella delusione mista a soddisfazione per una stagione in altalena che più altalena non si può, che doveva finire meglio, come dice sempre il buon Vincenzo Corbetta, ma che ha rischiato di finire molto peggio.
Potrei parlarti di quanto mi hanno colpito i ragazzi che seguono il Brescia per le dimostrazioni di affetto e vicinanza ad una famiglia colpita dalla più grande delle sciagure, la perdita di un figlio.
Ho evitato di farlo nei giorni scorsi perché mi sarei sentito inadeguato e perché avrei detto solo un mucchio di banalità, rischiando di varcare quel sottile limite che si pone tra il rispetto e la speculazione.
Permettimi solo di dire che i tanto vituperati ultras di casa nostra si stanno dimostrando delle Persone con la P maiuscola, partendo da Enzo e Chicco della curva nord e passando da tutti quelli che si sono stretti alla famiglia del povero Tone.
Lode a loro, senza falsa retorica, perché quanto stanno facendo è molto più che nobile.
Potrei parlarti di altre amenità, dell’Adidas che dovrebbe diventare sponsor tecnico del “nos Bresa”, della potenziale amichevole di lusso dell’11 o 12 luglio a Riva del Garda contro il Bayern Monaco campione d’Europa.

Scusa ma oggi, per l’ennesima volta, ti parlo di basket.
trento centrale del latte brescia, il pubblico ospite
Perché l’ho sempre fatto, anche quando l’estate scorsa sembrava dovesse tutto sparire, finire o essere relegato a poco più che un campionato di sofferenza.
Perché alla fine è tutto tremendamente vero, caro Piz.
Perché in questo momento dovrei fare tutt’altro.
Ma fammi soffermare 5 minuti su quanto di più bello lo sport è riuscito a darci in questi ultimi 12 mesi a Brescia: l’accesso alla finale promozione in serie A.
La Leonessa o Centrale del latte ha centrato un risultato storico, vincendo 2 volte in 3 giorni a Trento una serie playoff che sembrava compromessa dopo la vittoria in gara2 da parte di Trento a Brescia.
Un cuore immenso: in un palasport degno di tale nome (chissà perché i candidati sindaco di Brescia ieri non sono venuti a fare passerella in Trentino) davanti ad oltre 3000 tifosi di casa (a Brescia neppure abbiamo questa capienza) e a una curva ospite bellissima.
400 tifosi di biancoazzurro vestiti che hanno fatto un tifo infernale.
Bello, bello, dannatamente bello!!!!!
Questa squadra è veramente incredibile e tanti, tantissimi sono stati quelli che si sono innamorati di loro strada facendo.
Ieri sera sentire gli “Irriducibili” (quelli balzati all’onore delle cronache nazionali per gli stendardi con le donnine nude a disturbare i tiri liberi degli avversari) stupiti da questa partecipazione di massa faceva ancor più sorridere.
irriducibili disturbano tiri liberi
A tanti brillavano gli occhi a Trento, me incluso.
Certo non abbiamo ancora vinto nulla e con Pistoia in finale sarà una battaglia.
Ma lasciami dire: “Che bello!”.
Io ho ancora l’urlo “Brescia” nelle orecchie, ho la schiacciata di Barlos del primo quarto che viaggia in un loop continuo tra cervello e bulbi oculari, il ricordo della stoppata di Brkic (che a dispetto del cognome è italianissimo) con ruggito a Umeh che ha chiuso la gara…Piz, tutto tremendamente vero.

E sabato si va a Pistoia. Brividi ieri, emozione allo stato puro: questa squadra è entrata nel cuore di tutti noi.
E lasciami elogiare chi dietro le quinte ha dato e fatto tanto. Tantissimo. Quella famiglia formata da Matteo Bonetti e Graziella Bragaglio, una coppia di innamorati del basket, capace di riportare a Brescia il basket e le sensazioni forti e bellissime che sa generare.
Hanno sofferto parecchio nelle ultime 2 stagioni, gli è stato promesso di tutto, ed alla fine qualche mese fa si sono ritrovati da soli.
Si sono rimboccati le maniche, le hanno provate tutte, ma proprio tutte pur di tenere a Brescia il basket e la Lega2.
Hanno fatto innamorare di questo sport e di questa squadra gente che mai avrebbe pensato di avvicinarsi a questo sport. E adesso sono ad un passo dalla serie A.
Comunque vada a finire loro hanno vinto e fammi dir loro grazie, a nome di tutti quelli che ieri si sono sentiti orgogliosi di essere bresciani e di avere questa squadra piena di atleti fantastici e con un allenatore dalla bravura assoluta che nella scorsa estate ha accettato una missione impossibile e che è stato capace di trasformarla in una favola.

Grazie,di cuore

Zob0n, aka Alberto Banzola

Powered by Web Agency
Powered by Web Agency

Commenti   

 
+2 # Irriducibile 2013-06-03 20:06
Grande Alberto!!! E ora riempiamo il San Filippo!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Lo staff di OP si impegnerà ad analizzare il contenuto del commento e a cancellare eventuali commenti ritenuti sconvenienti. Evitiate quindi espressioni volgari o offensive.
Se per qualche motivo vi ritenete offesi scrivete a info@odiopiccolo.com indicando il commento e la motivazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

SUPERCLASSIFICA



odiopiccolo su facebook odiopiccolo su twitter odiopiccolo su youtube odiopiccolo su tumblr odiopiccolo su pinterest




PHOTOGRAPHER
Paolo Pastore