IL BRESCIA VINCE CONTRO IL FROSINONE 2-0

0
Bandierone Curva Nord Brescia

PREMESSA: esordio casalingo per le rondinelle dopo il buon pareggio del Partenio. Ed eccoci alla prima in casa di questa stagione 2016/7: dopo un’estate in cui il leitmotiv sembrava essere “Estate Povera” dei Ministri, con un mercato da minimo sindacale e i dubbi sul recupero dell’Airone, a cui hanno fatto da contorno indigesto l’eliminazione col Pisa in coppa a cui si sono aggiunte le 6 inattese pere salodiane sono arrivate le aggiunte di Pinzi e degli ultimissimi innesti.

Il Brescia si presenta al proprio pubblico che ha voglia di conoscere da vicino il nuovo assetto di mr. Brocchi che dopo un’estate di incubi adesso si gode un po’ di tranquillità, con la voglia di fare bene.

Brescia Frosinone: le formazioni schierate a centrocampo

Brescia Frosinone: le formazioni schierate a centrocampo

LA PARTITA: 4-3-1-2 per Brocchi con Morosini, Bonazzoli e Caracciolo a presidiare i 16 metri avversari. Marino risponde con un 4-3-3 in cui spuntano gli eroi al contrario di tante squadre del fantacalcio della scorsa stagione, soprattutto la coppia offensiva Ciofani-Dionisi su cui in tanti avevano scommesso e che ha comunque pagato ottimi dividendi.

L'omaggio dei tifosi del Brescia alla memoria di Edoardo Bortolotti

L’omaggio dei tifosi del Brescia alla memoria di Edoardo Bortolotti

In curva nord staziona un enorme “1995-2016 ciao Edo” in memoria dello sfortunato Bortolotti ed all’ingresso in campo delle formazioni c’è un bandierone copricurva nuovo di zecca; dalla Ciociaria una discreta rappresentanza ospite (100 i tifosi dei gialloblu) ha sfidato il traffico del controesodo estivo ed una temperatura di 30° abbondanti.

I Tifosi del Frosinone presenti a Brescia

I Tifosi del Frosinone presenti a Brescia

Inizio con la squadra ospite in completa divisa gialla a tenere il pallino del gioco: Pinzi fa vedere di essere un giocatore di classe prendendosi però un cartellino giallo generoso da parte del sig. Di Paolo per aver steso Dionisi ai 25 metri. Gucher, sul tocco di Sammarco spara un rasoterra ribattuto dalla barriera; nemmeno un minuto dopo e sul capovolgimento di fronte in un batti e ribatti in area la palla finisce sui piedi di Morosini che con un diagonale trafigge Bardi sul palo più lontano: al 9’ il Brescia è dunque in vantaggio (1-0).
La risposta è un tiro potentissimo di Dionisi che Minelli spedisce in corner. Ne colleziona 3 nei primi 12’ di gioco la squadra laziale, ma da nessuno nasce un reale problema. Partita che ristagna: un tiro senza velleità al 16’ risveglia Bardi, mentre un minuto dopo Frara dal limite fa correre un brivido lungo la schiena di Minelli, palla fuori di nulla.

Il Brescia agisce di rimessa, con Martinelli abile a far reparto spostandosi lungo tutta la propria verticale. Coly finisce sul taccuino dei cattivi andando a disturbare Matteo Ciofani su una rimessa laterale mentre Sammarco spizzica un diagonale appena dentro l’area che finisce mestamente in out di fondo. Caracciolo e Gucher scintillano a centrocampo: il Frosinone cincischia, il Brescia controlla, giocando un po’ troppo sul velluto: Di Paolo intanto è inutilmente fiscalissimo. Bonazzoli fa conoscenza coi tacchetti di Frara in un contrasto involontario: tra il 20’ ed il 30’ è l’unico avvenimento degno di nota, in una partita che di emozioni non ne vuole proprio regalare.

Morosini al 31’ si accentra dalla sinistra e fa partire una bordata dal limite dell’area e che finisce fuori di qualche metro, mentre Caracciolo sull’attacco successivo si allunga il pallone giusto per involarsi da solo verso Bardi. Bonazzoli fa di peggio al 36’: uscendo palla al piede dalla sua trequarti non riesce ad aprire un contropiede 3 contro 3 allargando inutilmente per Morosini. Occasione per Mazzotta al 38’: la sua punizione fa il solletico a Minelli mentre la conclusione di Bisoli dai 25 metri strappa applausi alla curva Nord. Si entra negli ultimi 5’: la diga eretta a centrocampo dalle rondinelle sembra reggere e i ragazzi di Brocchi non riescono però ad impensierire Bardi, mentre Ciofani approfittando di un ribaltamento al 42’ arriva alla conclusione che termina out alla destra di Minelli. Morosini scatta dalla sua metàcampo e si invola verso la difesa avversaria: contrastato in corner dai difensori frusinati: sugli sviluppi del secondo corner Bardi si supera togliendo dalla rete un gol già fatto.
Si fa ammonire Paganini (primo ospite a finire tra gli ammoniti). Si va al riposo: Brescia 1- Frosinone 0.

LA RIPRESA: Si riparte con Soddimo per Sammarco, sofferente per una botta alla schiena. Piove sul bagnato per gli ospiti che perdono anche Russo per infortunio, sostituito da Ariaudo all’esordio con la maglia gialloblu. Il Brescia staziona sula fascia destra dove continua a scendere imperioso: Bisoli al 50’ fa partire un tiro svirgolato che si perde sul fondo. Minelli al 7’ scalda i guantoni mettendo in corner un pallone insidiosissimo: Soddimo indirizza a sorpresa in porta una punizione da posizione defilata appena fuori dall’area. Out Morosini, per il Brescia è il momento di Camara. Doppia occasione per Dionisi al 10’: Minelli ipnotizza il centravanti ospite chiudendogli con i guantoni lo specchio della porta, e sulla ribattuta il gialloblu non inquadra le rete. Sull’asse Dionisi – Ciofani il Frosinone continua a farsi vedere, ma la difesa tiene benissimo: i problemi cominciano a sorgere sulla mediana, dove il filtro dei biancazzurri non si fa più sentire come nei primi 45’. Il Brescia al 15’ ha un’altra occasione d’oro per la testa di Caracciolo: sugli sviluppi del quarto tiro dalla bandierina arriva un cross per l’Airone nell’area piccola. L’avvitamento è quello giusto, come la parata di Bardi. Camara due minuti dopo si fa, palla al piede, 70 metri: la sua sgroppata si chiude con un nulla di fatto. Minuto numero 18: l’airone torna a volare. Altra ripartenza con palla a Bisoli che imbecca benissimo il bomber del Brescia bucando la difesa avversaria, due passi dentro i 16 metri, palla sul destro e 2-0 per il Brescia. Il raddoppio innervosisce gli uomini di Marino che cominciano a “prendersi” con i padroni di casa. Punizione di Soddimo per la testa di Ciofani: al 25’ Minelli para senza probelmi: continuano intanto i colpi proibiti in campo con Caracciolo martoriato. Dentro Ndoj, fuori Martinelli: l’obiettivo di Brocchi è ridisegnare il centrocampo, coprendo gli spazi, ma senza rinunciare ad attaccare. Ultimo cambio per Marino: dentro Csurko e fuori Paganini. E’ il 31, il Frosinone batte il settimo corner, Minelli risponde presente in presa aerea.

La partita dovrebbe farla la squadra gialloblu, sotto di 2 reti; il Brescia, senza barricarsi dietro, controlla sornione. Camara regala numeri mentre Dionisi al 37’ semina il panico in area bresciana, sparando fuori da buona posizione. Esordio per Torregrossa che manda a sedere un Caracciolo come al solito positivo. In campo si vede poco nei minuti finali: la svirgolata al 45’ di Dionisi, libero da solo poco fuori dall’area è la fotografia di una partita da dimenticare per la squadra gialloblu, nemmeno riscattata dal colpo di testa di Federico Ciofani a cui si oppone ancora una volta alla grandissima Minelli nei minuti di recupero. Finisce 2-0 : cinico e solido il Brescia raccoglie la prima vittoria in campionato con una prestazione solida e intelligente, approfittando di un avversario .
Ottimo l’apporto di Untersee, ma tutta la squadra, piccole sbavature a parte, fa vedere cose molto positive: è un cantiere il Brescia, ma con 4 punti dopo 2 partite Brocchi può lavorare tranquillamente, senza preoccuparsi troppo degli Umnarells che stazionano da Luglio ai bordi delle transenne.

Zob0n aka Alberto Banzola

 

About author

Alberto Banzola

Il direttore di odiopiccolo è Alberto Banzola, giornalista pubblicista BIOGRAFIA: Giornalista pubblicista dal 2009 (solo per una mera questione di pigrizia) ha cominciato per gioco nel 1998, assecondando un desiderio che aveva fin da bambino: fare il giornalista sportivo, anzi scrivere sulla gazzetta dello sport, che sfogliava voracissimo alla ricerca di notizie su Zoratto,Gritti ed Aliboni, sui idoli di infanzia. Un percorso molto articolato unito al suo mestiere di “commesso viaggiatore” a livello internazionale che lo ha portato un po’ ovunque nel mondo ampliando la sua visione del medesimo: bresciano imberbe (ai tempi) che ogni volta che tornava a casa si sentiva più spaesato in piazzale Arnaldo che ad Hong Kong. COMUNICAZIONE: La Mec-mor Srl (Gruppo Lonati) dopo avergli affidato tutto il sud-est asiatico a livello commericale, pensa bene che il marketing aziendale possa essere il suo secondo pane quotidiano (1999): immagine aziendale, fiere e comunicazione si accodano alle vendite delle macchine circolari da maglieria. Sia in Spazio Italia (Gruppo Faac) che in Stagnoli (aziende dove ha operato dal 2002 al 2008) ha curato il contenuto dei siti internet e la traduzione degli stessi in inglese e spagnolo. GIORNALISMO ED EDITORIA: Televisione: Collaborazioni sportive con Number one Network (calcio, tennis e squash tra il 2007 ed il 2009); conduzione di "Diretta basket", il “tutto il basket minuto per minuto” della serie A dilettanti su Sportitalia (2009); collaboratore dal 2004 per il basket di Brescia punto tv (servizi sulle partite di Iseo, Lumezzane ed oggi Brescia). Dal 2011 cura anche le telecronache del Basket Brescia in A2; conduzione assieme a Fabio Tavelli (Sky) di tuttobasket (1998), magazine settimanale dedicato al basket minore bresciano in onda su Teletutto. Carta stampata: Corrispondente per il basket a Brescia della Gazzetta dello Sport dal 2011; collaboratore del Bresciaoggi dal 2006 per cui ha seguito Iseo e Lumezzane, ed oggi segue attivamente il Basket Brescia Leonessa in tutta Italia, isole comprese; collaborazioni con diverse agenzie di stampa nazionali. Radio: Radiocronache del basket Brescia per Radio Voce (2010-2012); collaborazioni con emittenti locali per partite basket in territorio bresciano; radiocronache delle gare di Lumezzane (serie b d'eccellenza – 2004/2006) ed Iseo (serie B2 2004/2006) e una trasmissione settimanale dedicata al basket per Radio Montorfano; Radiocronache del Brescia calcio per Radio Montorfano (2006/7); Millemiglia per Radio Montorfano (2005). Internet: Collaborazione con il portale www.serieadilettanti.it (2008-2011); fondazione e direzione del portale www.cremonabasket.it (2003-2005); collaborazione con www.basketnet.it (1999-2002)

No comments

Ops... questo forse ti è scappato!

Confessioni di un bresciano razzista

Confessioni di un bresciano razzista

Lo confesso. Sono diventato una specie di razzista e un po’ me ne vergogno. Sono sempre stato eticamente ostile alla discriminazione, in qualunque sua forma, ...