Il Tonpu della Situ 2016

0
Odiopiccolo FC serie A Uisp Brescia

Il Tonpu della Situ sul campionato UISP di Felice Botta.

Buon campionato degli uomini del presidente Spunghi che giunti a metà del cammino dopo la recente vittoria di Lunedì 8 contro il Flero, viaggiano stabilmente nelle zone medio-alte della classifica, dietro alle corazzate Iseo, Camuna e Tau.

Alla riunione Uisp di inizio stagione, quel fenomeno a tavola di Piccolo aveva dichiarato: “Quest’anno siamo una bella squadra, non mi accontento della salvezza voglio qualcosa di più”. E uno sportivissimo dirigente di un’altra squadra, con la stessa sicurezza di Schettino mentre guida una nave da crociera, lo aveva schernito:“Sì si come no? Si divertiranno gli altri”.
E invece il Piz aveva ragione.

Mentre sta per iniziare il girone di ritorno, ma non sta per iniziare il ritorno di Girone (#FreeMarò) la OP è attualmente quinta e avrebbe potuto puntare ben più in alto, se non fosse per i punti persi per l’incresciosa rissa con il Castrezzato: dopo un’indagine combinata con il procuratore antimafia Ilda Bocassini, Saldi dell’Uisp ha optato per 1 ulteriore punto di penalizzazione, oltre ai 3 punti buttati nel cesso, dato che si stava vincendo di 2 gol a 4 minuti dal termine della partita.

Diciamola tutta: per il Piz non è stata una gran prima parte di stagione: ha visto talmente poco la porta che anche a casa entra dalla finestra, ma fortunatamente gli innesti dei giovani, uniti all’esperienza di Capoferri, han portato qualità e punti importanti.
ivarov portiere odiopiccolo fcGiulio, che si ispira a Ivarov, si è dimostrato un portierone per la categoria; Baresi è stato lo spauracchio di molte difese e sotto porta è incisivo quanto Adriano a trans; Genza, che fino a poco tempo fa l’unico scatto che faceva era fuori dalla Lekkerland di San Faustino con gli alcolici sotto braccio, ha perso i kili di troppo grazie a una dieta ferrea, mentre Piova e Sacca, nonostante abbiano avuto Luca Giurato come insegnante alle elementari, sono due preziosissimi elementi per la difesa della Op. Che dire di Capoferri? Anche se rompe il cazzo ancor di più in campo rispetto a quando era in panchina, ha esperienza da vendere e più grinta di Maurizio Costanzo davanti a un buffet. Da non sottovalutare poi la presenza costante agli allenamenti e alle partite di giocatori come Italo, Zuba e Gaggio, tornato finalmente a disposizione nella seconda parte del campionato dopo il “puttan tour” in Thailandia.
Ci piace anche sottolineare la crescita esponenziale di un Ale Abate che fino all’anno scorso era utile alla causa della Odiopiccolo quanto i dialoghi in un porno, mentre quest’anno la sua presenza in campo si sente tanto quanto quella del fratello più grande.
Senza voler dimenticare nessuno, la continuità del resto della squadra ha prodotto fin qui buoni risultati e ci si aspetta un altrettanto ottimo girone di ritorno, a partire da lunedì in casa con la Tau.

Dopo la pausa invernale, la Op ha iniziato il 2016 battendo il Flero in rimonta per 2-1 con gol del pensionato Ragnoli e del solito Baresi, che per il campionato Uisp è paragonabile a un Cristiano Ronaldo, però eterosessuale.

La Op ha preparato la prossima partita svolgendo un’amichevole questi giorni contro la gloriosa Scaglioni di Cene, Corso, Gaspa & C: non si vedeva una match così tirato ed emozionante da quando Oliver Hutton e Benji Price portarono il Giappone a giocarsi la finale del mondiale col Brasile; tutto condito da un ottimo terzo tempo a base di birra e red bull.
graziani_bissioPeccato per la mancanza di Francesco Piccolo, che tanti giocatori della Scaglioni speravano di aver l’onore di affrontare, e di quell’avanzo di cassonetto di Bissio, che ha preferito rimanere a casa a guardare una replica di Campioni il sogno del 2004 con Ciccio Graziani allenatore e Beppe Dossena commentatore.

Lunedì quindi al campo comunale di villaggio Badia si preannuncia il pubblico delle grandi occasioni e una coda ai botteghini simile a quella del padiglione del Kazikistan. La società pertanto invita i tifosi ad acquistare i biglietti per tempo nei consueti punti di prevendita. I più scatenati, tra cui in prima fila Bere (detto ormai Bere la Carogna) e il sempre sanguigno Zogno, sono stati visti orinare sulle tribune della Badia per delimitare la zona da dove preferiscono assistere al match.

In bocca al lupo Odiopiccolo! Ci vediamo lunedì.

Approfondimenti:
Risultati e classifica

 

About author

No comments

Ops... questo forse ti è scappato!