Quel gesto folle, tenero, fuori dagli schemi

0
QUEL GESTO FOLLE, TENERO, FUORI DAGLI SCHEMI

Quello che ho visto ieri Piz, quel gesto folle, tenero, fuori dagli schemi.
Quel timeout Piz, quello. Quello mi ha riappacificato con lo sport.

Con quello vero, quello giocato e vissuto. Fatto di regole ma non solo: fatto di sentimenti, di spirito. Di gruppo, di squadra, di unione? Di cosa sto farneticando mi dici?

Secondo tempo tra Brescia e Capo D’Orlando, prima di campionato di Lnp Gold (la novella Legadue): succede che in attacco la Centrale ha palla a Bushati, marcato dal giovane Laquintana.
I siciliani sono già senza diversi giocatori importanti e Laquintana è un under con due attributi immensi. Difende forte, Bush si libera e (secondo me involontariamente) poggia il gomito sul naso. Il ragazzo finisce a terra. Sangue. Bush si ferma al volo, gli arbitri non hanno fischiato, ma è lo stesso italo-albanese a capire la gravità del contatto.

Si scusa con lui. Coach Pozzecco (proprio lui), dà in escandescenze. E’ furioso, si becca un tecnico per qualche parola di troppo detta all’arbitro. Parla con Bush. Si capiscono.

Poz chiama timeout: Laquintana è a bordo campo, in panchina i cambi sono risicatissimi. Già la squadra al “completo” era formata da 7 uomini (su 10 che dovresti avere), uno lo aveva perso durante il quarto precedente (Archie), un altro è lì per terra che piange sangue.

Il timeout però non si svolge di fronte alla panchina, come di prassi: tutti attorno a Laquintana. Una scena mai vista. Forse neppure ammissibile da regolamento. Ma bellissima. La squadra che si unisce attorno al proprio leader, il coach. Che carica come una molla il ragazzo. Tamponi e via. In campo di nuovo, assieme all’americano scavigliato. “Give me one minute”. “Coach I’ll give you more”.(ed a momenti la vinceva questo qua)

Capo D’Orlando perde nei secondi finali (85-83), ma vince un’altra partita. E questo coach Pozzecco lo sa.

Nelle interviste a fine gara si commuove. Interrompe la diretta radiofonica tra le lacrime, mi abbraccia e se ne va. Ritorna dopo 1 minuto: un paio di foto fatte, qualche autografo.

Chiude l’intervista prima di buttarsi negli spogliatoi: “Amo questi ragazzi”.

 

About author

Avatar

Alberto Banzola

Il direttore di odiopiccolo è Alberto Banzola, giornalista pubblicista, dal 2009 (solo per una mera questione di pigrizia). Ha cominciato per gioco nel 1998, assecondando un desiderio che aveva fin da bambino grazie a Fabio Tavelli, che in lui ha visto - e ci chiediamo come abbia fatto - del potenziale. Un po' “commesso viaggiatore” a livello internazionale, un po' giornalaio come dicono i suoi amici baskettari di sempre, è su questa barca dal primo giorno, a calmierare le folli idee di Vittorio Spunghi. Zob0n o Banzo o come vi viene da chiamarlo, dal 1998 ha collaborato con Elivebrescia.tv, Bresciapuntotv, Sportitalia, Number One Network, Teletutto, Gazzetta dello sport, Bresciaoggi, Radiovoce, Radio Montorfano, La Giornata Tipo, serieadilettanti.it, cremonabasket.it, basketnet.it; e tutt’ora a piede libero. Non si capisce il perchè.

No comments

Ops... questo forse ti è scappato!

http://www.tuttocurve.com/ultras-gemellaggi-rivalita-calcio#Brescia

Un anno di Brescia. Stagione 2003/2004

Esordio su Odiopiccolo per Nicola Cargnoni, un tifoso bresciano “esiliato” a Brindisi. Un amico di Odiopiccolo in cui ci siamo imbattuti per caso qualche anno ...